IMU – Residenti all’estero

Descrizione Procedimento

ANNO 2014
Ai sensi dell’articolo 13 D.L. 201/2011 (convertito con Legge 214/2012) come modificato dall’articolo 9bis D.L.47/2014, i Comuni per il 2014 non potranno assimilare all’abitazione principale le abitazioni possedute dai soggetti iscritti all’AIRE e pertanto saranno soggette all’IMU con l’aliquota ordinaria del 10,60 per mille.

ANNO 2015
A partire dall’anno 2015 è invece previsto che l’assimilazione all’abitazione principale per una ed una sola unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani residenti all’estero (aire), già pensionati nei rispettivi Paesi di residenza, a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, a condizione che la stessa non risulta locata o data in comodato d’uso.
Su tale unità immobiliare le imposte comunali TARI (tassa rifiuti) e TASI sono applicate, per ciascun anno in misura ridotta di due terzi.
Presentare nei termini (30 Giugno dell’anno successivo) idonea dichiarazione.

Modalità di pagamento
A differenza di quanto disposto per i versamenti ICI, i residenti all’estero devono procedere ai versamenti nei termini ordinari, quindi 16 Giugno e 16 Dicembre.

Nel caso i residenti all’estero non possano utilizzare il modello F24 occorre procedere nel seguente modo:

  • per la quota comunale utilizzare bonifico bancario a favore del Comune di Meda.
    Codice IBAN IT92 W076 0101 6000 0001 3903 224, indicando il codice fiscale – l’anno di imposta – acconto e saldo – IMU – Comune di competenza;

  • per la quota riservata allo Stato effettuare bonifico a favore della Banca d’Italia (codice BIC BITAITRRENT ) utilizzando il codice IBAN IT02G0100003245348006108000 (comunicato MEF del 31 Maggio 2012), trasmettendo copie dei versamenti al Comune di competenza.

Norme comunali superiori:
articolo 13 D.L. 201/2011 (convertito con Legge 214/2012)’articolo 9bis D.L.47/2014.

torna all'inizio del contenuto