Autorizzazione alla cremazione di cadaveri, ossa e resti mortali inconsunti

Ufficio di riferimento

Polizia Mortuaria

Oggi chiuso


0362 396232 0362396238
stato.civile@comune.meda.mb.it

Descrizione Procedimento

E’ il Servizio che autorizza la cremazione dei cadaveri di persone decedute nel territorio del Comune ovvero di resti ossei/mortali di persone inumate/tumulate nel territorio del Comune.

L’autorizzazione alla cremazione è concessa dall’Ufficio di Polizia Mortuaria nel rispetto della volontà del defunto espressa nelle seguenti modalità:

  • disposizione testamentaria del defunto;
  • iscrizione del defunto ad un’associazione che abbia tra i propri fini la cremazione dei cadaveri dei propri associati (l’iscrizione deve essere debitamente certificata dal rappresentante legale dell’associazione);
  • in mancanza della volontà espressa in vita dal defunto in una delle forme di cui sopra, dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, presentata presso l’Ufficio di Polizia Mortuaria, dal coniuge o parente del defunto individuato ai sensi degli articoli 74-77 del Codice Civile;
  • per le persone interdette o minori la volontà è manifestata dai legali rappresentanti.

La richiesta di autorizzazione alla cremazione deve essere presentata da:

  • il coniuge o parente del defunto individuato ai sensi degli articoli 74-77 del Codice Civile;
  • il legale rappresentante per le persone interdette o minori.

Tale richiesta può essere resa dagli aventi titolo presso l’Impresa che si occuperà del servizio, allegando copia del documento di identità.

L’istanza va corredata di:

  • marca da bollo da €uro 16,00.
  • documento nel quale sia espressa la volontà del defunto alla cremazione. Tale documento può consistere in:
  • disposizione testamentaria (testamento in forma olografa o reso e depositato presso un notaio);
  • atto scritto dal quale risulti la volontà del coniuge o parente più prossimo, individuato secondo gli articoli 74 e seguenti del Codice Civile, che in assenza di volontà contraria del defunto, intende dar corso alla cremazione del cadavere;
  • dichiarazione di volontà di essere cremato, in carta libera e datata, sottoscritta di proprio pugno (o confermata da due testimoni, in caso di incapacità del defunto a scrivere) dall’iscritto ad una associazione riconosciuta che abbia tra i propri fini quello della cremazione dei cadaveri dei propri associati. La dichiarazione deve essere convalidata dal Presidente della associazione mediante l’attestazione del mantenimento dell’adesione alla stessa fino all’ultimo istante di vita dell’associato.
  • certificato in carta libera, redatto dal medico curante o dal medico necroscopo, con firma autenticata del funzionario incaricato o dal suo delegato, dal quale risulti escluso il sospetto di morte dovuta a reato. In caso di morte violenta o sospetta tale, dovrà essere acquisito anche il nulla-osta alla cremazione dell’Autorità Giudiziaria.
  • una marca da bollo da €uro 16,00 da apporre sull’autorizzazione rilasciata dall’Ufficio.

Le ceneri, secondo la normativa vigente, potranno essere tumulate, disperse o affidate. In questi ultimi due casi le richieste dovranno essere effettuate esclusivamente presso l’Ufficio di Polizia Mortuaria, qualora dispersione o affidamento avvengano nell’ambito del territorio comunale.

Per i cittadini stranieri, il nulla-osta alla cremazione è rilasciato dalle Autorità straniere competenti, in base alle norme dello Stato d’appartenenza del defunto, in applicazione delle disposizioni previste dal diritto internazionale privato. Sulla base di tale nulla-osta l’Ufficio di Polizia Mortuaria rilascia l’autorizzazione.

La cremazione dei resti mortali ed ossa inconsunti, rinvenuti in occasione di esumazioni o di estumulazioni, è autorizzata dall’Ufficio di Polizia Mortuaria su richiesta degli aventi titolo o d’ufficio, previo assenso degli aventi titolo.

Sportello Telematico

torna all'inizio del contenuto

Invia una segnalazione