L'accesso civico generalizzato è previsto dall'art. 5, comma 2 del decreto trasparenza (d.lgs. 33/2013) introdotto dal d.lgs. 97/2016, ai sensi del quale "chiunque ha diritto di accedere ai dati e ai documenti detenuti dalle pubbliche amministrazioni, ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione ai sensi del presente decreto, nel rispetto dei limiti relativi alla tutela di interessi pubblici e privati giuridicamente rilevanti, secondo quanto previsto dall'art. 5-bis".

Si tratta di un diritto di accesso non condizionato dalla titolarità di situazioni giuridicamente rilevanti e può avere ad oggetto tutti i dati e i documenti e informazioni detenuti dalle pubbliche amministrazioni, ulteriori rispetto a quelli per i quali è stabilito un obbligo di pubblicazione.

La ratio della riforma risiede nella dichiarata finalità di favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull'utilizzo delle risorse pubbliche e di promuovere la partecipazione al dibattito pubblico (art. 5, comma 2 del decreto trasparenza).
 
Ciò in attuazione del principio di trasparenza che il nuovo articolo 1, comma 1, del decreto trasparenza ridefinisce come accessibilità totale dei dati e dei documenti detenuti dalle pubbliche amministrazioni non più solo finalizzata a "favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull'utilizzo delle risorse pubbliche", ma soprattutto, e con una modifica assai significativa, come strumento di tutela dei diritti dei cittadini e di promozione della partecipazione degli interessati all'attività amministrativa. L'intento del legislatore è ancor più valorizzato in considerazione di quanto già previsto nel co. 2 dell'art. 1 del decreto trasparenza secondo cui la trasparenza è condizione di garanzia delle libertà individuali e collettive, nonché dei diritti civili, politici e sociali, e integra il diritto ad una buona amministrazione e concorre alla realizzazione di una amministrazione aperta, al servizio del cittadino. La trasparenza diviene, quindi, principio cardine e fondamentale dell'organizzazione delle pubbliche amministrazioni e dei loro rapporti con i cittadini.
In estrema sintesi il diritto di accesso civico generalizzato si configura come diritto a titolarità diffusa, potendo essere attivato "da chiunque" e non essendo sottoposto ad alcuna limitazione quanto alla legittimazione soggettiva del richiedente. A ciò si aggiunge un ulteriore elemento, ossia che l'istanza "non richiede motivazione". In altri termini, tale nuova tipologia di accesso civico risponde all'interesse dell'ordinamento di assicurare ai cittadini (a "chiunque"), indipendentemente dalla titolarità di situazioni giuridiche soggettive, un accesso a dati, documenti e informazioni detenute da pubbliche amministrazioni. Per facilitare l'esercizio del diritto di accesso civico generalizzato il legislatore ha previsto che l'unico costo addebitabile al richiedente sia quello della riproduzione dei documenti richiesti.
 
L'Autorità Nazionale Anticorruzione ha fissato con deliberazione n. 1309 del 28 dicembre 2016 le "Linee guida" recanti indicazioni operative ai fini della definizione delle esclusioni e dei limiti all'accesso civico generalizzato.
 
La disciplina dell'acceso civico generalizzato prevede la possibilità di rigettare l'istanza qualora il diniego sia necessario per evitare un pregiudizio concreto alla tutela di uno dei seguenti interessi:
 
PUBBLICI:
  1.  la sicurezza pubblica e l'ordine pubblico;
  2.  la sicurezza nazionale;
  3.  la difesa e le questioni militari;
  4.  le relazioni internazionali;
  5.  la politica e la stabilità finanziaria ed economica dello Stato;
  6.  la conduzione di indagini sui reati e il loro perseguimento;
  7.  il regolare svolgimento di attività ispettive
 
PRIVATI:
  1.  protezione dei dati personali
  2.  libertà e segretezza della corrispondenza
  3.  interessi economici e commerciali di una persona fisica o giuridica, ivi compresi proprietà intellettuale, diritto d'autore e segreti commerciali

 

Linee guida FOIA

Date di modifica e pubblicazione

  • Ultima modifica : 17/02/2020  
  • Prima pubblicatione : 10/02/2017
torna all'inizio del contenuto